Terme di Sarnano

Quell’acqua pura e benefica
scoperta dagli operai assetati.

Quando nel 1923 fu ricostruito il ponte tra Sarnano e Gualdo, gli operai iniziarono a bere l’acqua di una fonte vicina. Fu così che si accorsero che aveva effetti diuretici, poi confermati dagli studi del Prof. Silvestro Baglioni. Le acque furono intitolate a San Giacomo, famoso santo predicatore attivo in queste zone nel Quattrocento. Le Terme di Sarnano iniziarono ufficialmente la loro attività qualche anno più tardi.

Il complesso termale, oggi.

Il complesso termale di San Giacomo si trova lungo la strada per Gualdo ed è facilmente raggiungibile anche a piedi dal centro storico da cui dista meno di un chilometro*. La struttura, immersa in grande parco a disposizioni dei visitatori, offre un’ampia scelta di servizi sanitari ed estetici: terapie inalatore, dermatologiche, osteoarticolari e ginecologiche, balneoterapia e fangoterapia, consulenza medica specialistica ed esami diagnostici, fisioterapia, terapia antalgica, trattamenti estetici e massaggi.

Le terme di Sarnano sono legate a tre diversi tipi di acqua. La San Giacomo, che dà il nome al complesso, conosciuta fin dal 1923 per il suo equilibrio ionico e per la sua estrema purezza batteriologica, è usata soprattutto a fini diuretici e depurativi. L’acqua minerale sulfurea salsa Terro ricca di ione idrogeno solforato è utilizzata nelle cure inalatorie, ginecologiche e nella balneoterapia. Infine, l’acqua oligominerale bicarbonato-calcica Tre Santi, che con il suo contenuto di magnesio e bicarbonati e l’equilibrio chimico dei suoi oligoelementi, favorisce la digestione e la diuresi oltre che l’eliminazione degli acidi urici in eccesso.

*Il complesso termale di viale Baglioni 14 è temporaneamente chiuso a causa dei recenti eventi sismici: le attività sono state trasferite presso il Centro Novidra – Hotel Eden in via De Gasperi n. 28.

Pin It on Pinterest

Share This