Sibillini, montagne incantate

Benvenuti
nel Regno della Sibilla.

Quelli che vedete alle spalle di Sarnano sono i Monti Sibillini. Potremmo dirvi che sono il quarto massiccio montuoso per altezza dell’Appennino e che ospitano l’omonimo Parco Nazionale. Che la cima più alta è quella del Monte Vettore (2476 m) e che ospitano una flora e una fauna di grande interesse naturalistico. Però preferiamo dirvi che non sono un semplice “massiccio montuoso”. Sono montagne incantate.
Proprio così, si chiamano Monti Sibillini perché da sempre sono il regno della Sibilla e delle sue fate dalle zampe caprine, nonché la dimora di una vasta gamma di altre creature leggendarie. Siete scettici? Beh, un motivo in più per venire a vedere di persona.

Lo spettacolo della natura
è un’infinita scoperta.

Alla scoperta dei Sibillini:
trekking e animal watching.

Se fate e folletti non sono il vostro forte, sappiate che i Monti Sibillini sono l’ideale per gli amanti del trekking a tutti livelli: dagli escursionisti esperti alle famiglie con bambini. Passeggiando lungo i numerosi sentieri è possibile ammirare le meraviglie che la natura offre in ogni stagione, in particolare in primavera quando sui Sibillini esplode la fioritura di ben 37 specie di orchidee selvatiche. Inoltre potete fare un po’ di animal watching: con un po’ di pazienza (e un po’ di fortuna) potrete ammirare camosci, caprioli, cervi, volpi, aquile e gufi reali, falchi pellegrini, coturnici e anche splendidi esemplari di lupo che abitano indisturbati queste montagne.

Pin It on Pinterest

Share This